images/newsletter/ecumenismo/18_03_FE_finestra_ecumenica_testata_2018.jpg

Finestra ecumenica è anche una newsletter mensile di informazione e formazione su quanto accade nelle Chiese cristiane con una nostra lettura degli eventi ecumenici più significativi. Particolare attenzione è data alle realtà ecclesiali e monastiche con cui da sempre si è intrecciata la nostra storia di comunità ecumenica.  

Se desideri ricevere via email Finestra ecumenica iscriviti alla lista Finestra ecumenica - Dialogo tra le chiese.

Discernimento fino alla fine

Leggi tutto: Discernimento fino alla fine

Come abbiamo dolorosamente annunciato, domenica 29 luglio prima dell’alba, mentre si recava in chiesa per celebrare la Risurrezione di Cristo e la Divina Liturgia, Anba Epiphanius, abate del Monastero di San Macario in Egitto, è stato brutalmente assassinato.

Di questo fraterno amico, mite e umile di cuore, sapiente padre del deserto contemporaneo, abbiamo già presentato l’intervento su “Il perdono nella vita di Matta el Meskin”, da lui tenuto a Bose in occasione del XXIII Convegno ecumenico di spiritualità ortodossa, nonché i passaggi dedicati all’unità tra le chiese nel suo ricordo di abuna Matta el Meskin durante il Convegno a questi dedicato.
Offriamo ora alcuni passaggi di una bozza di lavoro sul “Discernimento nella vita monastica” cui Anba Epiphanius si stava dedicando ancora il giorno precedente la sua morte. È un testo che, destinato a essere letto all’ormai imminente Convegno di spiritualità ortodossa presso il nostro Monastero, si è tragicamente rivelato come l’ultimo lavoro di Anba Epiphanius.

Continua la lettura

Ecumenismo come vocazione: mons. Pietro Giachetti

Leggi tutto: Ecumenismo come vocazione: mons. Pietro Giachetti

Agosto 2018

ABCDell'Ecumene

Paolo Ribet, pastore valdese, per Finestra ecumenica

Quando mons. Pietro Giachetti giunse come vescovo a Pinerolo nel 1976, il dialogo ecumenico era già cominciato, muovendo i suoi primi passi negli anni ’60 e ‘70. Esistevano anche segnali di apertura all’interno sia della Chiesa cattolica che di quella valdese; ma si trattava di segnali sporadici, che coinvolgevano poche persone e certamente non la base delle Chiese. Il giudice Piercarlo Pazé notava una «durezza dottrinale (da parte cattolica) accompagnata ad una prassi di apertura», che «trova risposta in quegli anni in atteggiamenti del mondo valdese altrettanto duri sul piano dei principi e, in più, diffidenti verso l’apertura della Chiesa cattolica: è convinzione prevalente dei valdesi che la Chiesa cattolica attui dei semplici aggiustamenti ma non si riformi secondo il Vangelo, rimanendo in sostanza eguale».

Continua la lettura

Insieme in preghiera per il Medio Oriente

Leggi tutto: Insieme in preghiera per il Medio Oriente

Luglio 2018

“Cari fratelli, siamo giunti pellegrini a Bari, finestra spalancata sul vicino Oriente, portando nel cuore le nostre Chiese, i popoli e le molte persone che vivono situazioni di grande sofferenza. A loro diciamo: ‘vi siamo vicini’”.
Con queste parole papa Francesco ha inaugurato la giornata di preghiera per la pace in medio Oriente, organizzata a Bari il 7 luglio 2018, cui hanno partecipato molti patriarchi delle Chiese ortodosse, Ortodosse orientali, Orientali cattoliche, e altri ancora, le cui comunità vivono il dramma delle guerre mediorientali.

Continua la lettura

Unità nella diversità. Un’esperienza ecumenica africana

Leggi tutto: Unità nella diversità. Un’esperienza ecumenica africana

Luglio 2018

Kate Davson* per Finestra ecumenica
*Presidente internazionale emerito dell’IEF - Ambasciatrice emerita per l’Africa

L’International Ecumenical Fellowship è un’organizzazione di base fondata, come molte altre organizzazioni ecumeniche, più di cinquant’anni fa nel clima euforico del concilio Vaticano II, con il motto “Vivi oggi la chiesa di domani”. È difficile dispiegare la sua enigmatica missione nello spazio di un breve articolo ma, in poche parole, si tratta dell’esperienza vissuta da cristiani di diverse nazionalità e appartenenze ecclesiali che, attraverso l’incontro nella preghiera, nella liturgia, nello studio e nella comunione fraterna hanno ricevuto la rivelazione di “essere una sola cosa”.

Continua la lettura

Un viaggio fraterno nei monasteri ortodossi romeni

Leggi tutto: Un viaggio fraterno nei monasteri ortodossi romeni

Da molti anni la nostra comunità intrattiene rapporti di amicizia e fraternità con la Chiesa ortodossa romena. Sin dagli anni ’70, ancora sotto il regime comunista, fratel Enzo ebbe occasione di viaggiare per i monasteri in terra romena. I contatti proseguirono negli anni ’80 e ’90, e diversi fratelli e sorelle sostarono nei monasteri di Agapia, Varatec, Neamţ, Sihastria, Secul, Craşna ed ebbero occasione di incontrarsi con monaci, monache, vescovi della chiesa ortodossa romena e con il patriarca Teoctist.

Continua la lettura