images/la_cura_delle_parole.gif

Un amore inquieto

Leggi tutto: Un amore inquieto

Un tappeto nero copriva il suolo nella tenda della Regina; e nel nero un ricamo d’oro disegnava il sole e la beccaccia, il sole e la beccaccia. Sul tappeto, abbandonata sui cuscini di seta, sedeva la Regina, la Regina di Saba, sdegnosa e preoccupata. Un filo di perle pendeva fiaccamente dalla mano pallida appoggiata al ginocchio, giù lungo l’orlo della tunica; e sul tappeto nero-dorato le perle preziose e le dita pallide dei piedi nudi rivaleggiavano in nobiltà e delicatezza.

Continua la lettura

Il sacramento dell’amicizia

Leggi tutto: Il sacramento dell’amicizia

Non vedevo l’ora che fosse mattino per andare a scuola e vederti. Dio, non ero più solo! Finalmente avevo un amico! Tu eri già là – forse nemmeno tu avevi dormito – e un’occhiata mi fece capire che anche tu eri felice. Da allora fummo come due fratelli. Tornammo a casa insieme ogni giorno e ogni mattina io t’aspettavo.

Continua la lettura

Profondo blu

Leggi tutto: Profondo blu

“Una delle cose che più ci interessa nel nostro progetto è la combinazione di un processo arcaico e analogico con immagini che rimandano a concetti ed estetiche contemporanee. Riteniamo che questa contraddizione abbia molto a che fare con il vortice digitale che viviamo e consumiamo, che adoriamo e demonizziamo allo stesso tempo”.

Continua la lettura

Presenza assenza

Leggi tutto: Presenza assenza

Edoardo Tresoldi, Etherea, installazione temporanea, rete metallica sagomata, 11 x 16,5 x 22 metri
13-22 aprile 2018, Coachela Valley Music and Arts Festival, Stati Uniti
utilizzata per il libro di Joris Geldhof, Oltre il sacro e il profano

Le tre sculture-architetture non sono in muratura, ma sono trasparenti poiché realizzate in rete metallica. Questa scelta dei materiali è una chiave stilistica tipica del lavoro di Tresoldi. In realtà la scultura è allo stesso tempo materialmente presente e per certi versi visivamente assente. È una architettura eterea, ecco il nome dell'opera. Il corpo di coloro che entrano nelle tre sculture non le può oltrepassare fisicamente, ma può farlo con lo sguardo. 

Continua la lettura